opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

BIBLIOTECA COMUNALE DI SORBOLO MEZZANI

Indirizzo:

via Gruppini 4

43058 SORBOLO

Contatti:

Tel.: 0521669644

Fax: 0521669669

E-Mail: biblioteca@comune.sorbolomezzani.pr.it

Web: http://www.comune.sorbolo.pr.it/page.asp?IDCategoria=2497&IDSezione=0&ID=380533

Servizi:

Accesso disabili: Accesso totale

Note:

numero di cellulare 393 9044586 per prenotazioni tramite Whatsapp

Orari

dal 01/01 al 31/12

Lunedì:
15,00 - 18,30
Martedì:
15,00 - 18,30
Mercoledì:
09,00 - 12,30
Giovedì:
15,00 - 18,30
Venerdì:
09,00 - 12,30
Sabato:
09,00 - 12,30

ORARIO FASE 2

dal 01/06/2020 al 31/07/2020

Martedì:
15:30 - 18:30
Mercoledì:
09:30 - 12:30
Giovedì:
15:30 - 18:30
Sabato:
10:00 - 12:00

Altre informazioni:

Il servizio al pubblico si svolge in Sala Adorni, al piano terra del Centro Civico di via Gruppini 4, e solo per ritiro/riconsegna prestiti. I prestiti sono disponibili solo su prenotazione tramite telefono, messaggio Whatsapp e e-mail.

Biblioteca comunale di Sorbolo Mezzani

Una biblioteca dove incontrare storie e stare in relazione

La biblioteca Momo del Comune di Sorbolo Mezzani si trova all'interno uno dei più antichi fabbricati colonici della bassa parmense, risalente al 1700, recuperato negli anni Ottanta del Novecento dall'Amministrazione Comunale e destinato a Centro Civico Culturale. L'edificio, conosciuto come Casa Pezzani, dal nome della famiglia che ne era proprietaria, è stato ristrutturato valorizzando le strutture e le aree preesistenti, all’interno delle quali sono stati ricavati spazi polivalenti e un parco pubblico. L’ex casa colonica e gli edifici annessi sono diventati sede della Biblioteca Comunale, dell’Ufficio Cultura che gestisce le sale civiche del Centro Civico, e del Circolo Culturale Ricreativo Autogestito.

La Biblioteca è stata inaugurata nel 1989. Solo nella primavera 2018 però si è scelto a chi intitolarla. Con una sorta di consultazione popolare, si sono raccolti i suggerimenti e le proposte delle persone interessate a partecipare all’iniziativa. Il nome più votato non è stato quello di un personaggio storico,  ma quello di un personaggio letterario, Momo, protagonista dell’omonimo libro scritto dal tedesco Michael Ende nel 1973.

Come mai, ci si chiederà, il nome di una ragazzina orfana, analfabeta, che non sa far di conto e non sa nemmeno quanti anni abbia, quasi non conoscesse la propria identità, è stato scelto per intitolare una biblioteca?
Perché Momo ha una qualità eccezionale che possiedono solo i grandi saggi: ha l'abilità straordinaria di saper ascoltare, ascoltare davvero. Vicino a lei le persone si sentono accolte e riescono a trovare le risposte ai loro problemi, facendo pace con sé stessi e con gli altri e dando valore e senso al proprio tempo. Il consiglio che circola nella città senza nome è "Va' da Momo che ti passa!", e così Momo si circonda di tanti amici.

Ecco, la biblioteca di Sorbolo Mezzani vuole essere proprio così: capace di accogliere, ascoltare e aiutare a trovare risposte, un “luogo” in cui le persone possano conoscersi e scoprire il valore delle relazioni e delle parole. Magari tramite un libro e il suo autore, lo scambio con i bibliotecari o altri frequentatori delle biblioteca, un laboratorio o tanto altro ancora…